Abbronzatura Si, ma con prudenza

 

Il sole può essere un ottimo alleato ma se ci si espone senza cautele potrebbe diventare il peggior nemico. Troppa abbronzatura inoltre provoca invecchiamento precoce, rughe o addirittura tumori alla pelle.

I raggi solari producono un aumento dei radicali liberi nel nostro corpo, con la conseguente sofferenza delle cellule di collagene ed elastina, che mantengono la pelle fresca, elastica e tonica.

Per una prudente e corretta esposizione è necessario conoscere il proprio fenotipo da cui dipendono le reazioni della pelle ai raggi solari e il tipo di abbronzatura possibile. Sarà possibile individuarlo attraverso  caratteristiche quali:  carnagione, colore degli occhi, sensibilità al sole, lentiggini, colore dei capelli e tempi di abbronzatura. Con la costante applicazione di creme solari, sarà possibile abbronzarsi in maniera sicura e duratura, evitando i rischi annessi all’esposizione, come eritemi e scottature. Per questo è consigliata l’applicazione della protezione venti minuti prima dell’esposizione e la ripetizione ogni due-tre ore, in particolare dopo il bagno o la doccia.  Una prima indicazione categorica vale soprattutto per i bimbi, per i quali l’esposizione nelle ore di punta è sconsigliata. Meglio quindi spostare le attività alla aria aperta in altri orari, indossando indumenti protettivi, quali cappelli e occhiali da sole.  Anche a tavola possiamo aiutare la nostra pelle a prepararsi a alla tintarella senza danneggiare la pelle. Vi sono degli alimenti che stimolano la produzione di melanina, garantendo il giusto colorito e la dovuta protezione della pelle.  Per mantener la pelle tonica ed elastica un ruolo fondamentale è quello dell’acqua, beviamo, quindi, almeno due litri al giorno. Da prediligere alimenti ricchi di acqua, sali minerali e vitamine, come la frutta e la verdura.

Uno di questi è il beta carotene, la vitamina che stimola la formazione di melanina, il pigmento che colora la pelle e la protegge dai raggi del sole. Lo si trova nei vegetali gialli, arancioni e verdi, come le carote, i peperoni gialli, ma anche mango, papaia e cicoria. Il beta carotene, ha anche un forte potere antiossidante per cui è in grado di proteggere la pelle dall’invecchiamento cutaneo e dagli effetti dannosi dei raggi UV.

Assolutamente consigliato il consumo di zucchine, mandorle, broccoli e anche barbabietole che contengono le vitamine antiossidanti A, C, E. Anche l’olio di oliva, è particolarmente utile, perché favorisce l’assorbimento del betacarotene e contribuisce a rinnovare l’epidermide.