OSTEOPATIA

L'Osteopatia è una scienza terapeutica naturale, manuale e globale, fondata su una conoscenza precisa dell'anatomia e fisiologia del corpo umano.
Ci si serve delle mani come mezzo di diagnosi per evidenziare le disfunzioni e l'assenza di mobilità dei tessuti che comportano un' alterazione dell'equilibrio generale dell'organismo.
I tre principi dell'osteopatia:
  • Unità del corpo Come metodologia olistica (dal greco olos=tutto) l'osteopatia considera l'individuo nella sua globalità: ogni parte costituente la persona (psiche inclusa) è dipendente dalle altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell'intera struttura, dunque, l'equilibrio psicofisico e il benessere.
  • Relazione tra struttura e funzione Un corretto equilibrio tra struttura e funzione regala al nostro corpo una sensazione di benessere. Qualora tale equilibrio venga alterato (a causa di un trauma per esempio) si parla di disfunzione osteopatica, ossia di una restrizione di mobilità e perdita di movimento in una parte del nostro corpo (ossa, muscoli, organi, etc..).
  • Autoguarigione In osteopatia non è il terapeuta che guarisce, ma il suo ruolo è quello favorire la capacità innata del corpo ad auto curarsi.
 
Campi d'azione del trattamento osteopatico
 
L'ambito generale delle applicazioni è la struttura corporea nella sua integrità funzionale (ossa, articolazioni, muscoli e funzioni circostanti) ed esclude quindi tutte le lesioni anatomiche gravi e tutte le urgenze mediche.
Fino a quando è possibile ripristinare lo stato di salute,le patologie di qualunque tipo esse siano, sono di competenza dell'osteopatia, lo scopo di intervento non è, quindi, solo curativo, ma anche preventivo.
Qui di seguito un elenco di casi, tuttavia non esauriente, che possono essere oggetto del trattamento osteopatico:
  • Sistema muscolo-scheletrico: tendiniti, dolori articolari, pubalgie, cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, dolori costali o intercostali, dolori al coccige, colpi di frusta e qualsiasi dolore a seguito di un trauma importante (sportivo, stradale, ecc.)
  • Sistema Neurologico: sciatiche, cruralgie, nevralgie cervico-brachali, nevralgie facciali, diverse neuropatologie, cefalee, emicranie ecc.
  • Sistema neurovegetativo: stress, stati ansiosi, depressivi, irritabilità, turbe del sonno, senso di oppressione, ecc.
  • Sistema circolatorio: problemi circolatori agli arti inferiori e superiori, congestioni venose , emorroidi, palpitazioni, tachicardia, problemi post operatori cardiocircolatori, cefalee, emicranie.
  • Sistema digestivo: iperacidità gastrica, reflusso, ernia iatale, gonfiore,turbe digestive, stitichezza, diarrea, colite ecc.
  • Sistema gineco-urinario: incontinenza, cistiti, turbe della menopausa, dolori al basso bacino, dolori durante i rapporti, dolori mestruali, ecc.
  • Gravidanza: preparazione al parto, sindrome post-partum, cistite, dolori funzionali del picolo bacino, ecc.
  • O.R.L e apparato respiratorio: rinite, sinusite cronica, otiti, patologie asmatiche, vertigini, cefalee, problemi di deglutizione, bruxismo ecc.
  • Bambini: vari problemi della nascita e della prima infanzia legati a un parto difficile o ad un cesareo, disturbi del sonno, mancanza di concentrazione, stato collerico, irritabilità, problemi digestivi,problemi ortodontici (palato stretto, malocclusione, morso crociato..) problemi ortopedici, squilibri posturali (scoliosi, dismetrie degli arti inferiori...) cefalee, emicranie.
 
Il trattamento osteopatico
 
Dopo un breve colloquio sulla storia clinica del paziente e dopo la valutazione degli esami strumentali, l'osteopata si accerta che il caso sia effettivamente di sua competenza.
Egli valuta quindi la postura, la qualità e l'estensione dei movimenti articolari, la tonicità neuromuscolare, la mobilità dei visceri, delle strutture connettivali e di quelle cranio-sacrali attraverso specifici test di valutazione.
Svilupperà quindi un programma specifico di trattamento che comprende tecniche strutturali, viscerali, fasciali e cranio-sacrali.